Lamiere trapanate e lamiere fresate

La foratura delle lamiere trapanate/fresate è ottenuta tramite l’asportazione di truciolo mediante teste multimandrino: è possibile quindi ottenere diametri dei fori e larghezze delle asole inferiori allo spessore delle lamiere e combinare elevate percentuali di vuoto su pieno con ridotte sezioni di passaggio mantenendo, comunque, alta resistenza meccanica grazie all’elevato spessore delle lamiere.
Le lamiere trapanate possono essere prodotte con tre differenti tipologie di fori: cilindrici, bicilindrici e conici. Dopo le operazioni di trapanatura e fresatura, le lamiere vengono satinate e lavate per garantire la perfetta pulizia dei fori.

Materiali

Acciaio al carbonio, acciai inossidabili, titanio, leghe nichel-cromo, alluminio e sue leghe, rame e sue leghe.

Fornitura

Possono essere fornite come pannelli piani, rettangolari o sagomati o come cilindri, eventualmente muniti di flange o di anelli di rinforzo, in funzione delle richieste specifiche dei clienti.
Su richiesta le lamiere possono essere sottoposte ad ulteriori trattamenti di finitura superficiale quali, ad esempio, sabbiatura e lucidatura elettrolitica.

Utilizzo

L’utilizzo più comune è all’interno di presse a coclea per la separazione dei solidi da liquidi.
Vengono generalmente utilizzate nei processi di pressatura e trattamento degli scarti, in particolar modo nel settore della lavorazione della carta e in ambito alimentare (ad esempio produzione dello zucchero).

SCOPRI LE ALTRE LAMIERE FORATE

CONTATTACI
per maggiori informazioni su lamiere trapanate e lamiere fresate