Filtri bordati

I dischi filtranti sono impiegati con bordatura quando, oltre all’azione filtrante, viene loro affidata anche quella di tenuta. Ogni disco filtrante bordato può essere costituito da un’unica tela metallica opportunamente tranciata o da più tele in successione. Per questi dischi filtranti è necessario definire il numero e le caratteristiche di ciascuna tela e la loro successione. Prima della tranciatura, le tele vengono collaudate e, ove necessario, stabilizzate; dopo la tranciatura, le tele, insieme alle relative bordature, vengono lavate in ultrasuoni.

Materiali

Le tele metalliche utilizzate per la costruzione dei dischi filtranti possono essere realizzate in tutti i materiali e leghe metalliche trafilabili, tuttavia quelle comunemente usate, e generalmente disponibili a magazzino, sono in acciaio al carbonio o in acciaio inossidabile AISI 304 o 316. Le bordature possono essere realizzate in alluminio e leghe di alluminio, acciaio inox, ottone, rame, rame nichelato.

Fornitura

Dopo l’assemblaggio e la chiusura, tutti i dischi filtranti finiti vengono nuovamente lavati con ultrasuoni e confezionati in imballaggi standard o speciali sottovuoto.

Utilizzo

La principale applicazione di questi prodotti è sulle teste di filatura per l’estrusione di materie plastiche, fibre sintetiche ed altri polimeri; tuttavia, essi sono anche utilizzati per l’estrusione di mescole destinate alla produzione di guaine di gomma per cavi elettrici, nei filtri per circuiti idraulici.

SCOPRI GLI ALTRI DISCHI FILTRANTI

CONTATTACI
per maggiori informazioni su filtri bordati