Elementi filtranti

Lamiere forate

Riciclaggio carta

Il riciclaggio della carta avviene all’interno delle cartiere alla ricezione della carta da riciclare. Qui viene sminuzzata, sbiancata e ridotta in poltiglia mediante aggiunta di acqua calda. Questo permette di sottrarre dall’impasto le ultime impurità e scorie. Le restanti fibre disciolte in acqua vengono successivamente filtrate più volte prima di diventare idonee alla produzione della carta.

La fase di filtrazione consiste nella separazione di liquidi da solidi mediante pressatura e avviene all’interno di presse a coclea. La pressa a coclea è un congegno meccanico a lenta movimentazione in cui una coclea a forma conica ruota all’interno di un filtro cilindrico perforato. La soluzione di fibre disciolte in acqua viene inserita all’interno della pressa. Durante la fase di pressatura, la fibra di carta viene premuta con forza crescente contro il filtro metallico e i fori presenti nel filtro permettono la fuoriuscita dell’acqua, trattenendo così la polpa di carta.

Il riciclaggio della carta consente di trasformare ~ il 95% del materiale raccolto (fibra del rifiuto cartaceo) in nuova carta.

La lamiera trapanata Costacurta che compone il filtro della pressa a coclea è un elemento fondamentale della macchina. La lamiera deve avere uno spessore elevato per resistere alla pressione e piccoli fori di sezioni variabili (cilindrici, conici o bicilindrici) che rendano possibile la filtrazione dell’acqua e la separazione della stessa dalla polpa solida.

Nella produzione di una lamiera trapanata per riciclaggio della carta, la qualità del materiale utilizzato e la precisione dei fori sono elementi determinanti per garantire un filtraggio efficace.