Elementi filtranti

Wedge wire screen

Trattamento acque reflue

Il trattamento delle acque reflue consiste nella rimozione dei contaminanti presenti nelle acque. Il processo di depurazione delle acque viene svolto in più fasi che possono essere di natura fisica, biologica o chimica. A monte del trattamento delle acque reflue vengono rimossi i solidi dall’acqua al fine di evitare che possano danneggiare i macchinari a valle, compromettendo così la qualità di depurazione.

La rimozione di questi solidi avviene mediante alcuni pretrattamenti meccanici. La prima fase è la grigliatura, operazione meccanica di filtrazione che permette di dividere i solidi dai liquidi. Questa prima fase di depurazione può prevedere una grigliatura grossolana seguita da altre operazioni di grigliatura più fine.

Le macchine più comunemente utilizzate per effettuare la grigliatura sono il filtro rotativo a tamburo (comunemente conosciuto come rotostaccio) e la griglia statica. All’interno di entrambe queste macchine può essere trovato il filtro sgrigliatore. Questo filtro è il cuore della macchina ed è fondamentale per garantire la riuscita delle fasi successive di depurazione e dunque migliorare l’efficienza complessiva del processo.

Il filtro sgrigliatore VICO-Screen® è un filtro wedge wire di altissima qualità. Costacurta può fornirlo come pannello piano, settore di cilindro o come cilindro finito realizzato in base alle specifiche dei clienti. Questi filtri vengono impiegati in vari impianti di trattamento delle acque reflue. I più significativi includono scarichi civili, industrie agroalimentari, cartiere, zuccherifici e industrie chimiche.

Il filtro sgrigliatore VICO-Screen® viene prodotto in acciaio inossidabile così da non richiedere particolare manutenzione. La geometria delle aperture riduce notevolmente il rischio di intasamento e la filtrazione avviene con efficienza anche ad alte portate grazie alle elevate superfici utili di passaggio. Questi filtri sono autoportanti e non richiedono dunque particolari strutture. Infine, l’alta capacità del filtro consente di realizzare macchinari di dimensioni ridotte a parità di prestazioni.